Notte tricolore.jpg
Politica e Istituzioni - 12/03/2011 11:38

Palazzo Aperto: mercoledì notte tricolore per l’Unità d’Italia

Mercoledì 16 marzo, a partire dalle 20, i Palazzi Panciatichi e Bastogi, sedi del Consiglio regionale della Toscana, si apriranno ai visitatori con concerti, mostre e visite guidate

Firenze – Il 16 marzo l’ormai tradizionale appuntamento di Palazzo Aperto – l’iniziativa del Consiglio regionale per avvicinare i cittadini alle istituzioni – si trasformerà in Notte tricolore.
La sera, dalle 20.00 alle 1.00, i Palazzi Panciatichi (via Cavour, 4 - Fi) e Bastogi (via Cavour, 18 - Fi) saluteranno i visitatori con concerti, mostre e visite guidate gratuite. I cortili ospiteranno le esibizioni degli sbandieratori di San Pietro, con giochi di bandiere della contrada Alfiere di Bagno a Ripoli, e il Coro "La Martinella", del Club Alpino italiano, sezione di Firenze. Per un inizio di serata immersi nei canti tradizionali e nei colori dell’Unità d’Italia.
Le note incontreranno la sensibilità di ognuno, come dimostrano i diversi appuntamenti della serata: concerto di pianoforte del Maestro Matteo Biscetti, dell’Accademia musicale di Firenze (alle 21 in aula consiliare); chitarra classica del Duo Maurizio Pacini e Riccardo Bini (alle 22 in Sala Affreschi); esibizione associazione Il Magnifico, per No time jazz, dell’Athenaeum musicale fiorentino Scuola di Musica (alle 23 in Sala Gonfalone); “Musica italiana” con i solisti di Contempoartensemble (alle 22 in Sala delle Feste).
E se Palazzo Panciatichi ospiterà l’esposizione di opere di artisti toscani “La camicia dei Mille”, Palazzo Bastogi spazierà dall’abbigliamento all’arte, con l’inaugurazione della mostra documentaria “La donna attraverso la moda dall’Unità d’Italia ad oggi” (dell’associazione Hole in one di Pistoia in collaborazione con la Rivista Fashion Design Lab di Firenze) e della mostra “Il cammino nella pittura dalla forma all’informale” di Osvaldo Petrelli.
Un concentrato di suoni, emozioni, forme e sfumature, ben sintetizzati dalla mitica Fiat 500 d’epoca, rigorosamente in Formazione Tricolore, in collaborazione con “500 Club Italia”.