giornalista.jpg
COMUNICATO SINDACALE - 22/12/2010 15:09

Consiglio: giornalisti confermano stato di agitazione

COMUNICATO SINDACALE - L’assemblea dei redattori chiede un incontro urgente con l’Ufficio di presidenza per avere aggiornamenti sulla sospensione dell’Agenzia ed esige corrette relazioni sindacali

Firenze - Un incontro da svolgersi entro il prossimo 31 dicembre. Questo è quanto l’assemblea dei redattori dell’Ufficio stampa provvisorio del Consiglio regionale, tramite il Cdr, chiede all’Ufficio di Presidenza del Consiglio stesso, al fine di avere spiegazioni ed aggiornamenti sulla vicenda della sospensione dell’Agenzia d’informazione. L’assemblea dei giornalisti riunitasi ieri, martedì 21 dicembre, con i vertici dell’Associazione stampa toscana, conferma inoltre lo stato di agitazione, rilevando che a distanza di quasi due mesi dall’approvazione della legge 54/2010 che ha “sospeso” l’attività dell’Agenzia i motivi restano ancora poco chiari.
 
“Con un colpo di mano è stato cancellato un confronto quasi ventennale tra l’Amministrazione e le organizzazioni professionali e sindacali dei giornalisti, che è approdato ad un assetto dell’informazione regionale apprezzato in tutta Italia”, afferma la nota sindacale sottoscritta dall’assemblea dei redattori. E prosegue: “Si è aperta così una fase transitoria verso non si sa dove e con quali obbiettivi, giustificata formalmente con la riduzione e la razionalizzazione dei costi, tutte cose da dimostrare, visto che non vengono investite altre importanti voci di spesa (convenzioni con testate giornalistiche, incarichi professionali esterni, ecc…)”.
 
L’assemblea dei redattori, inoltre, richiama al rispetto delle corrette relazioni sindacali e di concertazione così come peraltro previsto dai regolamenti regionali ed auspica il coinvolgimento attivo della Rsu della Regione Toscana.