ariberto.jpg
Cultura, Istruzione e Ricerca - 02/09/2009 13:38

Mostre: le raffinate opere pittoriche di Ariberto Badaloni

Venerdì 4 settembre, alle ore 17.00, inaugurazione della mostra “Intenti Enigmi Silenzi Ricapitolazioni” a Palazzo Panciatichi (Firenze - via Cavour, 4)

Firenze – L’essere umano con tutte le problematiche della realtà in cui vive e i grandi temi sociali e culturali, ispirano l’esposizione Intenti Enigmi Silenzi Ricapitolazioni, che si inaugurerà venerdì 4 settembre alle 17.00, al primo piano di Palazzo Panciatichi (Firenze - via Cavour, 4).
 
Quella di Ariberto Badaloni, maestro di ricercatissime tecniche grafiche (dalle acquaforti alle ceremolli, fino alle acquetinte, le xilografie, agli acrilici su legno e carta), è una pittura di “ricerca” sempre imperniata sulla figura umana (uomo-donna), della quale studia attentamente l’interiorità.
I lavori di Badaloni si compongono di paesaggi misteriosi, simboli primordiali, sfondi ideali, linee sfuggevoli e figure drammatiche, tutto per esprimere la complessità della nostra società e dell’interiorità umana. Le opere pittoriche dell’artista livornese sono realizzate con un sapiente equilibrio di forme e di colori, e subiscono il fascino della predilezione che egli ha per la grafica e l’illustrazione.
 
Alla presentazione interverrà il critico d’arte Maria Giovanna Carli.
La mostra resterà aperta al pubblico dal 4 al 13 settembre, dalle ore 14.00 alle ore 18.00 dei giorni feriali, e dalle ore 9.00 alle ore 12.00 del sabato.